. Vestire diversamente: il gusto non ha barriere

Vestire diversamente, il gusto non ha barriere

Vestire diversamente. Possiamo partire da qui, attraversare un viale fiancheggiato da filari di limoni nella campagna del Conselvano che si spinge verso la costa e arrivare al capannone di un’impresa che ha un obiettivo importante, quello di riuscire a vestire chiunque abbia delle esigenze particolari. Pier Giorgio Silvestrin è un imprenditore creativo e dinamico che nel rispetto della tradizione artigiana di famiglia crea e produce un campionario di prodotti per persone con disabilità, esclusivo in Italia. 

A San Giorgio “il vittorioso”, figura cardine della storia della propria famiglia è stato dedicato il nome della società fondata da papà Silvestrin nel ’73 che produceva abiti da lavoro. Nome non modificato dal figlio, Pier Giorgio appunto, quando è entrato in società ampliando l’attività e dedicandola alla realizzazione di abiti per i grandi brand della moda italiana. Ma l’idea è un’altra e matura piano piano nella mente di Pier Giorgio, quando il padre e la madre provano a confezionare sartorialmente degli abiti per il fratello paraplegico. “Mia madre voleva vestire mio fratello con pantaloni ‘perfetti’ ma il mercato tradizionale non lo consentiva. Lei li voleva ‘alti dietro e bassi davanti’ così sgridava mio padre che con metro, gesso e forbice impostava i primi modelli per mio fratello”. Ed ecco la scintilla…

“Dietro ogni prodotto, c’è un problema” e così nasce Lydda Wear società che produce abbigliamento e accessori per persone disabili o con disturbi e patologie invalidanti....

Puoi continuare a leggere la storia di Pier Giorgio Silvestrin e gli altri racconti di quotidiano ingegno su CNAStorie