. Vaccarino: “Condividiamo l’impianto complessivo del decreto sul riordino delle tipologie contrattuali”

“Rete Imprese Italia condivide l’impianto complessivo del decreto sul riordino delle tipologie contrattuali. Il provvedimento è indirizzato, coerentemente con l’attuale quadro occupazionale, alla salvaguardia della pluralità delle forme contrattuali, anche quelle flessibili, che danno risposta a specifiche esigenze delle imprese”. Lo dichiara Daniele Vaccarino, presidente di Rete Imprese Italia.

“In particolare, è apprezzabile che il Governo – sottolinea - abbia ritenuto necessario tutelare i meccanismi di ingresso nel mondo del lavoro, attraverso gli strumenti di flessibilità che, nel perdurare degli alti tassi di disoccupazione, possono contribuire in maniera sostanziale ad offrire opportunità occupazionali agganciandole ad una ripresa più complessiva dell’economia italiana”.

“Il provvedimento si presenta come un testo organico di semplificazione dei contratti – conclude - che consentirà, altresì, un riordino delle tipologie contrattuali utile anche a creare un quadro regolatorio che dia maggiori certezze ad imprese e lavoratori”.

 

Area Tematica: