. Rimettere al centro l’impresa e il lavoro: queste le tematiche affrontate all'Assemblea elettiva CNA Est Romagna

L’assemblea di CNA Est Romagna, riunitasi giovedì 23 marzo, ha eletto i componenti della presidenza di area territoriale e dibattuto sulle principali tematiche necessarie a rilanciare l’economia locale. Nella serata del 27 marzo la presidenza, composta da Annalisa Raduano, Rosanna Maroni, Gessica Lombardi, Roberta Braghittoni, Roberto Nini, Oscar Dogana, Massimo Benini, Giancarlo Placucci, Oscar Ceccarelli, William Ventrucci, Vittorio Giorgi e Giorgio Nasolini, ha confermato Marco Gasperini, nella carica di presidente.

“Nel Rubicone e Mare – ha affermato Gasperini – c’è una impresa ogni 10 abitanti e questo dato è sufficiente a spiegare la struttura imprenditoriale che caratterizza l’intera nostra provincia; questo sistema fatto di piccole aziende deve pretendere attenzioni nelle politiche pubbliche e trovare in esse i necessari strumenti che le permettano di continuare a produrre benessere diffuso”.

“Per queste ragioni – ha proseguito Gasperini – chiediamo agli amministratori presenti quali azioni essi stiano promuovendo per sostenere la rete di piccole imprese locali”.

Nel corso della serata sono intervenuti numerosi imprenditori, che hanno espresso i bisogni delle aziende e proposto alcuni ambiti di interesse generale.

Tra questi: vere campagne contro i vari fenomeni di abusivismo; mettere in pratica i contenuti del protocollo, siglato da tutti i comuni, sulla rigenerazione urbana; creare le condizioni affinché gli appalti pubblici siano affidati ad imprese locali che garantiscono risultato, reperibilità e circolazione delle risorse finanziarie sul territorio; sostegno alle imprese contoterziste, vero cuore del distretto calzaturiero, nei confronti della regione; applicazione della tariffa puntuale in materia di Tari; perseguire politiche turistiche integrate, in accordo con i nuovi sviluppi della programmazione di area vasta; sperimentare percorsi di sostegno alla nascita di nuove imprese.

Sono intervenuti i sindaci Luciana Garbuglia (S. Mauro), Filippo Giovannini (Savignano), Matteo Gozzoli (Cesenatico) e Roberto Sanulli (Gambettola) i quali hanno ribadito la centralità delle piccole imprese e la necessità di operare congiuntamente, pubblico e rappresentanze economiche, per finalizzare sempre più le scarse risorse. La partita degli appalti pubblici può rappresentare un trampolino per il comparto edile e non solo e per questo ci sarà massimo impegno da parte delle amministrazioni.

Chi è Marco Gasperini: cesenaticense, idraulico fin dai 16 anni e dagli anni ’80 imprenditore. È socio del Consorzio artigiani idraulici di Cesenatico e membro della sezione lavori; ha ricoperto l’incarico di presidente di CNA Est Romagna dal 2013 ed è stato membro della direzione provinciale di CNA Forlì-Cesena.

Area Tematica: