. "Inno Moda". Il progetto formativo di CNA tra i due soli progetti ammessi per la Toscana

Dieci giovani per dieci aziende saranno formati (a costo zero per le stesse aziende)  con un metodo innovativo unendo l’esperienza delle lavorazioni tradizionali nella filiera della pelle e della calzatura, con l’utilizzo di nuovo tecnologie. Il Progetto denominato "INNO MODA" presentato sul bando nazionale di Italia Lavoro (società per azioni totalmente partecipata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze  che opera per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell'occupazione e dell'inclusione sociale) da CNA Pisa e redatto dalla sua Agenzia Formativa Copernico scarl, è stato ammesso e unico per ora finanziato, fra i soli due progetti approvati in Toscana.

Il Progetto prevede la possibilità per 10 imprese di accogliere altrettanti tirocinanti. Le imprese riceveranno € 250 al mese per 6 mesi come rimborso per la formazione erogata on the job. I tirocinanti riceveranno direttamente da Italia Lavoro € 500 al mese. Il tema della proposta che ha trovato l’accoglimento di Italia Lavoro è l'innovazione nella filiera moda. Le imprese che CNA Pisa ha coinvolto costituiscono la filiera completa della moda, dai produttori di materia prima sino ai prodotti finali (scarpe e tessuti) passando per aziende che si occupano di ricerca e innovazione. Sette delle dieci aziende individuate da CNA operano nel Distretto Industriale di Santa Croce. Si tratta di 5 aziende che effettuano lavorazioni conto terzi nel settore conciario, un tomaificio che è anche Maestro Artigiano e Bottega scuola e uno dei calzaturifici storici della zona; si aggiungono una tessitura di alta qualità con sede a Pisa, un laboratorio digitale di Cascina in grado di progettare e prototipare qualsiasi prodotto, una Fattoria con sede a Volterra. Una ghiotta occasione per le aziende coinvolte che potranno "testare" per sei mesi a costo zero, anzi ricevendo un piccolo compenso, giovani motivati ed interessati a lavorare nel settore.

“Una grande soddisfazione per CNA – sottolinea il Presidente CNA Area Cuoio Roberto Marzini - che ancora una volta dimostra il suo impegno a fianco delle piccole e piccolissime aziende di qualità che rappresenta. L’aspetto cui teniamo di più è l’impegno concreto e finalizzato a dare risposte ai bisogni più importanti per le nostre imprese, soprattutto riguardo il delicato tema del ricambio generazionale in azienda. Insomma: fatti e non parole, soluzioni e non solo rivendicazioni”.

“Il progetto potrà partire con l'individuazione delle figure da inserire in azienda e con i successivi tirocini formativi – spiega Graziano Turini coordinatore CNA are Cuoio – durante il quale le aziende potranno costantemente contare sull'assistenza e l'accompagnamento dei nostri esperti. Questo è solo uno dei tanti progetti che mettiamo costantemente in piedi a sostegno del sistema produttivo della nostra provincia per fare squadra con le imprese e gli imprenditori, ma è significativo per la innovatività del progetto dove si riconosce il valore della formazione on the job ed il ruolo diretto delle imprese”.

 

 

Area Tematica: