. Incontro con il candidato alle europee Mauro Lucentini. Dialogo a tutto campo.

Sostegno alla promozione internazionale tramite i consorzi, strumento di vitale importanza per le piccole imprese soprattutto del settore calzaturiero; attivazione di progetti per la riqualificazione aziendale e costituzione di digital innovation hub sul territorio per potenziare l’innovazione tecnologica delle pmi; rendere più agevole l’accesso al credito; politiche di contrasto all’abusivismo, verifica dei requisiti professionali e potenziamento dei controlli sul lavoro da parte degli enti preposti soprattutto riguardo l’apertura di nuove attività; politiche relative alla formazione professionale.

Sono solo alcune delle tematiche affrontate nell’incontro tra gli imprenditori che compongono la presidenza della CNA Territoriale di Fermo e il candidato alle elezioni europee per la Lega Mauro Lucentini, lo scorso 15 aprile a Villa Baruchello.

In vista del rinnovo del Parlamento Europeo, come sempre all’avvicinarsi delle scadenze elettorali, la CNA di Fermo incontra gli esponenti delle forze politiche del territorio – riferisce il Presidente Territoriale Paolo Silenzicon l’obiettivo non solo di manifestare le esigenze delle categorie produttive che rappresenta, ma anche di sollecitare nei confronti dei politici la risoluzione dei problemi che più stanno a cuore a chi fa impresa”.

Abbiamo evidenziato a Lucentini – aggiunge il Direttore Generale Alessandro Migliorela necessità per il Paese di attuare una strategia condivisa per sostenere le imprese, oltre ad abbassare il costo del lavoro, rivedere l’importo minimo dei progetti per l’area di crisi complessa e tutelare il Made in Italy, fondamentale per identificare il prodotto italiano”.

Non da ultimo si è parlato anche di area montana, duramente colpita dagli eventi sismici del 2016, ha bisogno di essere valorizzata: “Per questo – ribadiscono Silenzi e Migliore - chiediamo che nei bandi riservati alle aree del cratere siano inseriti strumenti finanziari per sostenere non solo le nuove imprese ma anche chi cerca di portare avanti proprio in quelle zone la propria impresa”.

Lucentini ha ricordato quanto portato avanti dalla Lega sul territorio “dalla firma dell’area di crisi complessa allo sblocco dei finanziamenti per il settore ippico”, e che tra le varie priorità che la Lega si sta dando ci sono la valorizzazione del territorio, l’implementazione degli strumenti finanziari e non a sostegno delle imprese e lo spacchettamento a quote minori dei progetti relativi all’area di crisi complessa.

Area Tematica: