. Incentivi provinciali, 6 milioni per le micro e piccole aziende

Accolta la proposta CNA-SHV: più punti alle ditte dei centri urbani Illustrato il funzionamento del Garfidi per le garanzie sui prestiti

Sei milioni di euro a disposizione delle micro e piccole imprese dell’Alto Adige, messe a disposizione dalla Provincia con un bando che prevede la presentazione digitale delle domande entro il 30 giugno, l’esame delle pratiche in estate e la stesura della graduatoria con gli assegnatari degli incentivi entro settembre.
Le novità sono state illustrate ieri (24 maggio 2018) nel corso di una serata informativa organizzata dalla CNA-SHV. Günther Schwienbacher, direttore dell’associazione, ha introdotto la serata spiegando che “grazie alla proposta di CNA-SHV, accolta dalla Provincia, è stato inserito nel bando anche un criterio premiale per le aziende di centri che hanno un tasso di disoccupazione ed una morìa di aziende di almeno 2 punti percentuali superiori alla media provinciale, compensando così i punteggi maggiorati assegnati alle ditte delle zone svantaggiate”.
Il funzionario provinciale Bruno Fontana ha ripercorso le tappe che hanno portato all’erogazione degli incentivi a bando. “La Giunta provinciale Kompatscher ha cambiato il sistema dei contributi – ha detto – che era ormai insostenibile, con erogazioni che, ad esempio nell’artigianato, avvenivano 3 anni dopo la presentazione della domanda. Finiremo di smaltire l’arretrato nel 2019. Nel frattempo, nel 2017, abbiamo riavviato un canale di incentivi per le piccole imprese, ma non più a pioggia, bensì a bando e quindi assegnabili solo grazie ad una graduatoria di merito”.
I criteri del bando prevedono l’erogazione di incentivi per l’installazione di un nuovo stabilimento, l’ampliamento di uno stabilimento esistente, la diversificazione della produzione, la trasformazione del processo produttivo. Sono ammessi a contributo: arredamenti, hardware, software funzionale, macchinari e impianti, macchine operatrici e attrezzature. Non sono ammessi: beni immobili, veicoli per trasporto persone ad eccezione di taxi e agenti di commercio, beni mobili usati, oggetti preziosi e opere d’arte, scorte di magazzino, materiale pubblicitario, operazioni di lease-back, campionari merce o merce oggetto di noleggio.
Gli investimenti devono essere effettuati nel 2018: ordine d’acquisto, consegna e fattura nel 2018; oppure ordine di acquisto e acconto nel 2018 e consegna nel 2019; oppure ordine di acquisto, acconto e consegna nel 2018 e fattura nel 2019.
I 6 milioni a disposizione per aziende dei settori industria, artigianato, commercio e servizi sono così ripartiti: 2,5 milioni per imprese fino a 9 addetti; 2,5 milioni per imprese fino a 49 addetti; 1 milione per i settori commercio e servizi. Sono ammesso investimenti tra 20.000 e 500.000 euro.
“I criteri utilizzati per il bando 2018 – ha spiegato Fontana – sono stati modificati in virtù dell’esperienza maturata nel 2017 e delle proposte delle associazioni di categoria”. Adesso il punteggio massimo di 110 punti prevede 10 punti per nuove imprese, 10 per imprese femminili, 10 punti cumulabili fino a 30 per chi possiede determinate certificazioni, compresa quella di maestro artigiano, 15 punti per progetti di crescita, 15 per le imprese in zone strutturalmente deboli e 15 per le imprese dei centri con problemi di disoccupazione e morìa di aziende, 30 punti
per imprese 4.0 o con progetto di R&S o impiego di cubatura esistente inutilizzata, oppure commercio in quartieri periferici delle città. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.provincia.bz.it/economia, mentre CNA-SHV offre un servizio di consulenza per la partecipazione al bando.
Nella seconda parte della serata, Vittorio Valorzi ha illustrato il funzionamento di Garfidi, il consorzio di garanzia di cui fa parte anche CNA-SHV, che copre in genere il 50% del fido, ma può arrivare all’80% grazie alla controgaranzia del Fondo Centrale. Oggi Garfidi ha 3.000 soci. La consulenza iniziale sulla richiesta di finanziamento bancario, la procedura di affiliazione a Garfidi e l’istruttoria della pratica possono essere eseguite anche dal Garfidi Point attivo presso la CNA-SHV.
Nella foto: Astrid Götsch e Bruno Fontana della Ripartizione Economia della Provincia
Per ulteriori informazioni: Günther Schwienbacher, direttore di CNA-SHV, 0471 546711

Area Tematica: