. Edilizia: forte contrazione delle imprese e degli occupati. CNA: "Necessario un sostegno al settore"

“Oltre 200 imprese, il 2% di quelle in attività, cancellate dal 2015 ad oggi, e con esse quasi 300 posti di lavoro, più del 4% di quelli del settore. 52mila imprese. Sono i numeri che certificano la crisi che, dal 2008, ha travolto il settore dell’edilizia anche sul nostro territorio. Per questo non si può più rimandare un pacchetto di interventi urgenti e straordinari per arrestare l’emorragia e cercare di avviare la ripresa di un comparto che non ha mai intravisto l’uscita dal tunnel”. A lanciare questo appello è il presidente di CNA Costruzioni Modena, Paolo Vincenzi.

“Recuperare le imprese e i lavoratori usciti dal mercato non è facile né scontato – spiega – ma non si può perdere altro tempo. Il Governo deve cominciare presto e bene a intervenire su questo settore cruciale per la ripresa economica dell’Italia. La semplificazione burocratica, la trasformazione in credito da cedere, ad esempio, alle banche, del bonus per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica, l’allentamento della stretta creditizia, l’alleggerimento fiscale sono i primi ingredienti di una incisiva politica per il rilancio del settore da mettere rapidamente in campo. Ma è indispensabile un piano pluriennale straordinario che permetta la messa in sicurezza e la riqualificazione del patrimonio edilizio italiano a partire dalle aree colpite dai recenti terremoti, e una rigenerazione urbana profonda di tutti i centri d’Italia, piccoli, medi e grandi. Insomma, è ora di far uscire dai box Casa Italia, che racchiude tutto questo nella sua missione”. “Un chiara indicazione di rotta sull’edilizia, sostenuta da adeguate risorse, da parte del nuovo Governo – conclude - è il necessario segnale che le imprese edili attendono da anni. Confidiamo che possa essere la volta buona e che questo progetto trovi una declinazione sul territorio in grado di coinvolgere anche le piccole imprese”.

Area Tematica: