. Cordoglio di CNA per la scomparsa di Mario Veronesi, "padre" fondatore del distretto biomedicale di Mirandola

“Con la sua scomparsa la nostra comunità perde un innovatore vero, una personalità che incarna quella propensione all’innovazione che non è una prerogative delle imprese, piccole o grandi che siano, ma di uomini. Uomini come lui”. Così Cesare Galavotti, presidente della CNA di Mirandola, piange la scomparsa di Mario Veronesi, il padre del biomedicale, che con lui è nato e cresciuto dando lavoro a migliaia di persone e contribuendo in modo decisivo al benessere dell’area.

“Non credo di esagerare - commenta Galavotti - affiancando il nome di Veronesi a quello di altri grandi imprenditori modenesi come Ferrari e Fini, per fare un paio di esempi. Un uomo in grado di elaborare e sviluppare un’idea in un garage trasformandola in un business capace di attirare l’attenzione su Mirandola di multinazionali del settore, e di fare della biomedical valley della Bassa uno dei centri mondiali più importante del biomedicale. A noi, ora il compito di non dimenticarlo, affinché il suo esempio non vada perduto. Gli saremo per sempre debitori”.

Area Tematica: