. CNA World Scelta dall’Europa come migliore pratica italiana di promozione e integrazione dell’imprenditoria straniera

Sfiorano quota 600mila le persone nate al di fuori dell’Unione Europea che siedono ai vertici di una delle sei milioni di imprese italiane. In Trentino Alto Adige, secondo i dati di Unioncamere, sono 7.608 gli immigrati extra Ue che rivestono cariche: 2.310 sono amministratori di società, 1.465 sono soci, 3.599 sono titolari, 234 rivestono altre cariche. Le imprese individuali di immigrati da Paesi extra-Ue in Trentino Alto Adige sono 3.557, pari al 5,5% delle 64.753 imprese individuali totali. La maggioranza proviene dal Marocco (623, pari al 17,5%).

In questo contesto si inserisce CNA World, presente tramite CNA-SHV dell’Alto Adige e CNA del Trentino, selezionata tra 10 candidati a rappresentare l’Italia alla Commissione Europea nella Guide Book pubblicata ad agosto.

“Sono 20 le buone pratiche europee ad esser rappresentate all'interno della Guida della Commissione Europea alla promozione e al supporto degli imprenditori immigrati (Evaluation and Analysis of Good Practice in Promoting and Supporting Migrant Entrepreneurship) - spiega Claudio Corrarati, presidente della CNA del Trentino Alto Adige -. Unica italiana rappresentata, tra le buone pratiche che meglio descrivono i processi di integrazione degli immigrati nel tessuto economico, sarà appunto la nostra CNA World. Individuata dalla Commissione per l’azione di supporto agli imprenditori stranieri a portare avanti il loro business e rafforzare la consapevolezza dell’importante ruolo che ricoprono nell’economia locale anche nella nostra regione. CNA è stata dunque riconosciuta come una delle realtà italiane più rappresentative in tema di imprenditoria straniera”.

Area Tematica: