. Autoriparazione: a rischio oltre 1.500 artigiani e 6.000 dipendenti

Le carrozzerie indipendenti sono ancora una volta costrette a farsi sentire per impedire che la nuova proposta di ddl sulla concorrenza in discussione al Senato violi la libertà dell’automobilista di rivolgersi alla sua officina di fiducia. A tutto danno della qualità delle riparazioni e della sicurezza sulle strade” così Angelo Alessandrelli, presidente CNA Autoriparazione Lazio in occasione dell’iniziativa che si è svolta a Parco Leonardo per sensibilizzare gli automobilisti sul rischio che sia messa in discussione la loro libertà di scelta. Distribuite centinaia di opuscoli per indirizzare alla scelta consapevole della polizza giusta. Un vademecum dell’Rc Auto, dalla cessione del credito alla franchigia.

“Si continua a mettere in discussione un principio sacrosanto: l’ormai acquisita cessione del credito. Dov’è la concorrenza se le assicurazioni, oltre ad avere il potere di decidere l’entità del danno, potranno –come prevede il ddl- decidere anche dove e da chi far riparare il veicolo? In virtù del codice etico dell’autoriparazione, non vogliamo altro che un rapporto di trasparenza con il cliente, perché sia opportunamente informato: a una riduzione tariffaria dell’assicurazione non necessariamente corrisponde un vantaggio. È bene che ciò si sappia. Con il ddl si lede la libertà dei cittadini, ed è per questo che stiamo raccogliendo firme nelle nostre carrozzerie anche da parte dei clienti, per sostenere insieme questa battaglia” conclude Alessandrelli.