. Amministratore di Sostegno: nuovo sportello attivo in Valdarno

E’ attivo a San Giovanni Valdarno il nuovo sportello dell’Amministratore di Sostegno, servizio gratuito di ascolto, informazione e orientamento legale a tutela delle persone fragili e a sostegno delle famiglie.

Il progetto nasce da una collaborazione tra la Conferenza Zonale dei Sindaci del Valdarno - con il coordinamento e il co-finanziamento del Comune di Montevarchi - ed una rete organizzata di volontari tra cui Socialnet, onlus di CNA Arezzo.

Il servizio ha l'obiettivo di rafforzare i legami sociali della comunità e offrire pari opportunità alle persone che vivono in condizioni di fragilità. L’amministratore di sostegno è un'attività a titolo volontario che assicura tutela a soggetti che non possono provvedere ai propri interessi per infermità o menomazione fisica o psichica. Il servizio si rivolge ai singoli o alle famiglie in condizioni di fragilità e a coloro che intendano farsi carico di tale impegno.

Lo sportello sostiene l’utenza nell'accesso al servizio e nella redazione di tutte le pratiche necessarie; è attivo presso la sede di CNA di San Giovanni Valdarno (via Maria Montessori, 8) e riceve su appuntamento (tel. 055. 911861 o via mail adsvaldarno@cna.arezzo.it) ogni ultimo martedì del mese dalle 15.00 alle ore 18.00.

Il servizio si inserisce nel quadro di un progetto più ampio denominato “Polo Amministratori di Sostegno – Valdarno” che ha come obiettivi anche quello di essere uno spazio di formazione, aggiornamento e supporto per gli Amministratori di Sostegno, punto di riferimento per i volontari iscritti nell’elenco zonale degli stessi e nodo di collegamento tra tutti gli attori pubblici e privati che a vario titolo sono impegnati in questo ambito.

Maurizio Viligiardi Presidente Conferenza Zonale dei Sindaci del Valdarno

Un importante punto di riferimento per tutti coloro che volontariamente prestano la loro opera in aiuto delle persone con fragilità fisica o psichica nell’amministrare i loro beni; ma allo stesso tempo anche un aiuto alle famiglie o comunque a tutti coloro che, attraverso questo sportello, possono individuare le persone più giuste cui affidare questi delicatissimi compiti.

Si ringrazia quindi la CNA per la sensibilità e per aver messo a disposizione i propri spazi nonché la propria logistica per l’erogazione di questo servizio nell’ottica di una sempre più stretta collaborazione con le istituzioni e in particolare con la Conferenza dei Sindaci del Valdarno.

Stefano Tassi Assessore del Comune di Montevarchi

L’attivazione di un nuovo sportello di Amministratore di sostegno rappresenta un servizio gratuito rivolto al cittadino che deve essere uno degli obiettivi da perseguire per il sindaco di una città. In questo caso si tratta di un aiuto concreto a coloro i quali, comprese le famiglie, si trovano in difficoltà momentanea o più duratura nel gestire l’ordinaria amministrazione dei loro beni. Il progetto ha visto l’attivazione di una importante sinergia tra la Conferenza dei sindaci, l’associazionismo e il volontariato dove il Comune di Montevarchi svolge un ruolo attivo nella realizzazione e nel coordinamento. L’attenzione alle fasce più deboli della società, ai bisogni del cittadino e allo sviluppo di una rete territoriale di sostegno come punto di riferimento per la comunità, sono condizioni necessarie che devono proseguire nell’impegno comune per superare anche i momenti più fragili della nostra vita quotidiana.

Franca Binazzi Presidente CNA Arezzo

Entrando nella rete di questo nuovo strumento giuridico di protezione, CNA, con la sua onlus, interviene come soggetto attivo del territorio pensando a soggetti che, pur conservando la capacità di agire e di compiere gli atti diretti a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana, necessitano di una figura che abbia cura di loro e provveda a compiere le azioni necessarie per la gestione dei loro beni.

Un ruolo sociale e di supporto per il quale l’Associazione, coi propri strumenti e tramite la propria sede, apre le porte alla comunità dei cittadini e si mette a disposizione della rete di sostegno locale.