. Approvato in Conferenza Unificata allo schema di decreto contenente 42 definizioni standardizzate e l’indice cui i Comuni dovranno attenersi

La delibera è del 20 ottobre. Entro 180 gg. il recepimento delle Regioni. Nei sei mesi successivi i comuni dovranno adeguare quelli vigenti

Il provvedimento, non ancora pubblicato ufficialmente, prevede che per le Regioni a Statuto Speciale, però, l'adeguamento sia opzionale, praticabile a condizione che non si creino conflitti con le norme già esistenti.

In generale, comunque, le regioni potranno specificare e semplificare l’indice del Regolamento edilizio tipo, anche individuando definizioni standardizzate in grado di incidere sulle previsioni dimensionali contenute negli attuali strumenti urbanistici ed adottare, in via transitoria,  anche indicazioni tecniche per una loro corretta interpretazione.

Documenti Allegati: