. SLITTA AL 2021 LA PROCEDURA AUTOMATIZZATA DI LIQUIDAZIONE DELL’IMPOSTA DI BOLLO SULLE FATTURE ELETTRONICHE

Il Decreto Rilancio ha prorogato dal 1° gennaio 2020 al 1° gennaio 2021 l’applicazione della procedura automatizzata di integrazione, da parte dell’Agenzia delle entrate, dell’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche, inviate tramite il Sistema di Interscambio, che non recano l’annotazione di assolvimento dell’imposta (articolo 143, decreto-legge 19 maggio 2020, n.34).

La procedura automatizzata avrebbe dovuto applicarsi alle fatture inviate dal 1° gennaio 2020, come disposto dal Decreto Crescita, ma in assenza delle necessarie disposizioni attuative è rimasta inattiva (articolo 12-novies del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34).

Come si legge nella relazione illustrativa, la proroga evita di introdurre una nuova procedura, che richiede aggiornamenti dei software gestionali e un confronto a distanza con le imprese sui dati elaborati dall’Agenzia delle entrate, in un periodo in cui gli operatori economici sono già chiamati a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Area Tematica: