. Chiesta all'Agenzia delle entrate l'ammissibilità delle compensazioni interne nei consorzi e nelle cooperative di autotrasporto

E’ stata inviata all’Agenzia delle entrate una richiesta di consulenza giuridica in materia di tracciabilità dei pagamenti relativi agli acquisti di carburante per autotrazione in presenza di rapporti di credito/debito fra i soggetti intervenuti nell’operazione.

In particolare, riteniamo sia importante chiarire se a seguito dell’introduzione dell’obbligo di tracciabilità dei pagamenti relativi agli acquisti di carburanti e lubrificanti per autotrazione, entrato in vigore lo scorso 1° luglio, pena la perdita del diritto alla deducibilità e detraibilità dell’IVA relativa alla spesa sostenuta, possa considerarsi ancora valida la modalità operativa, utilizzata dai consorzi e dalle cooperative costituite da imprese di autotrasporto, di gestire i rapporti di debito credito sorti nei confronti dei rispettivi consorziati o soci, attraverso l’istituto della  compensazione.

Riteniamo, infatti, che la finalità dell’obbligo di pagamenti tracciati, quali mezzi per dimostrare l’effettività dell’acquisto, dal 2019 possa essere garantito dalle fatture elettroniche, dalle scritture contabili nonché dai rapporti di conto corrente, fermo restando che gli importi non compensati saranno in ogni caso pagati attraverso mezzi tracciabili.

In allegato la richiesta congiunta di consulenza giuridica firmata da CNA e Confartigianato.

Documenti Allegati: 
Area Tematica: